Esercizio Fisico e Sistema Immunitario

Qualche consiglio per conoscere meglio la correlazione tra esercizio fisico e sistema immunitario.

Stiamo vivendo settimane drammatiche per tanti aspetti.

Il contenimento della trasmissione del virus SARS-COV2, porta con sé tante conseguenze e segna in modo tangibile il cambiamento delle nostre abitudini.

Ci ripetiamo da settimane che tutto andrà bene e che si deve rimanere a casa, ma la realtà e che tutto andrà bene SOLO se rimarremo a casa.

Ma anche rimanere a casa comporta delle conseguenze.

Non solo di carattere economico, lavorativo e sociale; anche dal punto di vista delle abitudini legate alla sfera ludico-sportiva.

Tra le categorie infatti che più soffrono questa situazione, c’è quella degli sportivi, specie se amatoriali, che normalmente organizzano la loro settimana in funzione dello sport che praticano.

Runner, ciclisti, nuotatori e frequentatori di palestre in questo momento, sono tutti in sofferenza.

E lo sono ancora di più da quando gli ultimi decreti legge, hanno limitato l’attività sportiva all’area aperta ad una distanza di 200 metri da casa (ovviamente in solitaria).

A difesa della possibilità di continuare con la pratica sportiva all’aria aperta, si sono schierati in molti, soprattutto in nome del fatto che l’esercizio fisico ed il sistema immunitario sono legati tra loro da un rapporto virtuoso.

Che la pratica sportiva sia utile a combattere varie patologie non lo scopriamo certo oggi, ed infatti è particolarmente importante continuare a muoversi per chi soffre di:

  • diabete
  • sovrappeso
  • obesità
  • problematiche cardiovascolari
  • ecc.

Ma il punto non è questo.

Il punto è:

Perchè è così importante in questo momento, collegare l’esercizio fisico al sistema immunitario?

Ed ancora:

Siamo sempre sicuri che qualsiasi tipo di esercizio fisico rinforzi il sistema immunitario?

La risposta alla prima domanda è legata a mio avviso, ad un tentativo di difesa estrema del “proprio fortino”, di difesa della propria libertà o ancora meglio, della propria necessità di fare sport.

Ed ecco quindi, che rinforzare implicitamente il concetto che fare sport ci possa proteggere dal Coronavirus, diventa un “cavallo di battaglia”.

Ma è proprio così?

Perchè volenti o nolenti in casa si deve rimanere, ed anche se ci organizziamo con tapis roullant, cyclette, spin bike e attrezzi vari, è evidente che la qualità del nostro allenamento, è destinata a cambiare.

Allora mi permetto di puntualizzare alcune cose:

  1. l’esercizio fisico può avere sul sistema immunitario sia un effetto positivo sia, un effetto negativo.
  2. l’esercizio fisico ha sicuramente un effetto positivo sulla riduzione delle infezioni delle vie aeree (le vie respiratorie) se condotto regolarmente e con il carico adeguato
  3. la comparsa di patologie del tratto respiratorio e dell’apparato digerente (i relazione ad una idratazione non corretta), può essere facilitata da un allenamento sbilanciato.

Quali sono i rischi?

I rischi sono insiti nel fatto che comunque la vediamo, siamo di fronte ad un cambiamento talmente importante che anche se siamo allenati, le proposte di “allenamento domestico” si possono differenziare in modo consistente da quello che si è abituati a fare.

E c’è anche un altro aspetto.

Con tempi così dilatati ed un rallentamento dei ritmi così importante, anche chi normalmente sacrificava il proprio stato di forma al lavoro o alla famiglia, in questo momento si ritrova con molto tempo a disposizione e decide di “tenersi un pò in forma”.

La spin bike può essere uno strumento molto utile per allenarsi in casa.

Tenersi in forma però, in questo momento può significare:

  • correre sul tapis roullant
  • fare cylette
  • utilizzare una spin bike
  • connettersi a youtube e seguire qualche corso di fitness scelto tra le centinaia di proposte (non sempre all’altezza della situazione)
  • utilizzare manubri, elastici, kettlebell, jumping rope ed altri attrezzi da fitness

E via quindi di circuiti più o meno intensi, dove si alternano i vari mezzi a disposizione.

E qui si rischia un pò.

Perchè allenarsi in circuito significa muoversi su un terreno pieno di insidie in cui, esercizi con cui non si ha confidenza, oppure esercizi eseguiti ad intensità troppo alta, o con un numero di ripetizioni e di serie eccessive, possono condurre a qualche problemino.

Quindi per tornare ai quesiti di inizio articolo, la vera domanda che dovremmo porci non è se l’esercizio fisico rinforza il sistema immunitario ma se:

questo tipo di esercizio fisico ,a cui siamo obbligati in questo momento, rinforza davvero il sistema immunitario?

Pensateci bene.

Vi ho già parlato in un precedente articolo, di quanto l’infortunio sia dietro l’angolo se non ci si allena in modo ponderato, in particolare possiamo avere problemi riconducibili a:

  • Un carico eccessivo durante l’allenamento
  • Allenamenti troppo frequenti
  • Esecuzione errata degli esercizi proposti
  • Esecuzione di esercizi o tipi di allenamenti mai eseguiti in precedenza.

Tutti e quattro i fattori possono essere potenziali fonti di rischio o fattori contribuenti per un infortunio tuttavia, un carico eccessivo e frequenti allenamenti possono avere una influenza negativa sul sistema immunitario.

Se da un lato infatti, sappiamo che 1-2 ore di esercizio moderato eseguito per 2 o più volte a settimana, aiuta a ridurre l’incidenza di patologie respiratorie e il numero di giorni di assenza da scuola o dal lavoro per raffreddore o influenza, dall’altro sappiamo che un allenamento ad alta intensità, ci espone invece ad un rischio maggiore di riportare infezioni delle vie aeree superiori.

Questo come testimoniato anche in un recente studio di Hanstock et al., è un problema che affligge molto spesso gli atleti professionisti di alto od altissimo livello, che a causa dell’intensità e del volume elevatissimo dei loro allenamenti, sono particolarmente esposti ad infezioni del apparato respiratorio.

E se sono a rischio loro, figuriamoci a cosa può succedere a noi poveri mortali, se non usiamo un pò di criterio quando ci alleniamo.

Conclusioni

Riassumendo quindi teniamoci a mente questi pochi, ma credo utili consigli:

  • alleniamoci con moderazione
  • alleniamoci con continuità per almeno due volte a settimana
  • attenzione ad esercizi che non conosciamo
  • ascoltiamo il nostro corpo e rispettiamolo
  • gestiamo la fatica

Non corriamo rischi ragazzi!

Allenarsi è importante ma questo non è proprio il momento di ammalarsi.

Ricordatevi che:

TUTTO ANDRA’ BENE SE RIMANIAMO A CASA E…. SE USIAMO LA TESTA.

Un abbraccio (virtuale)

Andrea.

Condividi
Andrea Benvenuti
 

>